In spiaggia portiamo anche un bel sorriso

Questo mese vi vogliamo parlare dei segreti per avere un sorriso con denti bianchi splendenti.

E’ risaputo che una dentatura perfetta o quasi è uno dei migliori biglietti da visita che possiamo dare di noi, non solo comunica immediatamente un senso di igiene e pulizia ma è capace di rendere più gradevole l’aspetto generale di una persona.
Il momento è importantissimo, pensate a tutte le foto che scattiamo ogni anno durante le nostre vacanze!

Prima di tutto capiamo da cosa dipende il colore dei nostri denti: contrariamente da quello che normalmente si pensa non è lo smalto a dare il colore ai denti ma lo strato subito sottostante, la dentina.

Lo smalto è come un vetro opaco che ricopre la dentina: è essa che può conferire sfumature più sul grigio, giallo, rossastro, marrone o bianco, a seconda della nostra eredità genetica. Lo smalto partecipa però alla “formazione” del colore che il nostro occhio vede perché devia la luce (rifrazione) in infiniti modi, infatti il dente, sottoposto a differenti fonti luminose, pare avere colori diversi.

Pur essendo un materiale particolarmente resistente e mineralizzato, lo smalto conserva una certa porosità e come tale può lasciarsi attraversare da sostanze e particelle capaci di cambiare il colore alla dentina e allo stesso smalto.

I nemici del bianco: tra i principali nemici dei denti bianchi ritroviamo il fumo di sigaretta, i collutori con clorexidina, il naturale invecchiamento ed i pigmenti alimentari, come quelli contenuti nel caffè, nel tè, nella liquirizia, negli spinaci e nel vino rosso, ma anche nei coloranti artificiali aggiunti alle bevande o ad altri prodotti alimentari.

Un caso particolare è l’accumulo di tetracicline assorbite durante la prima infanzia con dei medicamenti. Ma non solo, fra i nemici dei denti bianchi rientrano anche i frutti di bosco, poco nominati a causa del basso consumo procapite ma come succede ai nostri vestiti anche i denti rimangono macchiati dal loro intenso colore.

Questi i nemici “esterni”, esiste però un pericolosissimo grande nemico che siamo noi stessi e che tramite una cattiva igiene orale rovina tutti i nostri sforzi per uno splendido sorriso.

Nell’articolo di questo mese non ci soffermeremo sulle buone pratiche che dobbiamo seguire giorno per giorno, magari ne parleremo al rientro dalle ferie, adesso proseguiamo con i segreti dei denti bianchi dicendo come possiamo incentivare il nostro sorriso a sbiancarsi

Esistono sostanzialmente due metodi che non si escludono fra loro, anzi, quello che noi consigliamo è di intraprendere un trattamento cosmetico dentistico presso lo Studio Guasti Massai che trasformerà la vostra bocca in un modo che stenterete a riconoscerla e poi di mantenere questo incredibile risultato con delle piccole attenzioni quotidiane.

Tralasciamo quelli “chimici” che si potrabbero inutilmente sovrapporre al nostro trattamento e passiamo ad alcuni rimedi totalmente naturali.

Salvia fresca
probabilmente il più famoso, facilissimo da mettere in pratica, basta strofinare i denti con una foglia di salvia una o due volte al giorno

Verdure verde scuro
Mangiate il più possibile cavoli e broccoli, queste verdure, infatti, contengono un composto minerale che produce una pellicola che ricopre i denti e protegge contro le macchie.

Radice albero araak
E’ una radice di un albero medio orientale che levigata sui denti li rende bianchi e lucenti. Dove trovarla? si acquista online ad un prezzo bassissmo, ecco un esempio

Succo di limone
Ecco una ricetta “home made”: prendi un pò di sale più poche gocce di succo di limone (preferibilmente se li prendi dal limone fresco così avrà più effetto) più poche gocce d’acqua (per ridurre l’acidità del limone) si mescola il tutto, si prende un pezzo di stoffa lo si immerge nel mescuglio finchè non si bagna per bene e poi lo si passa sui denti, provare per credere

E poi, alcuni alimenti che in generale ci aiutano a preservare il lavoro di sbiancamente dentale effettuato presso di noi: mele, sedano e carote. Si tratta di tre alimenti in grado di aumentare la produzione di saliva che a sua volta agisce come agente autopulente fisiologico.

Concludiamo dicendo che se avete dei dubbi o avete voglia di approfondire qualche argomento potete inviarci una mail, vi risponderemo con piacere.
Allo stesso modo potete scriverci per conoscere i tempi ed i costi del nostro trattamento di cosmesi dentale riconosciuto come il migliore offerto in Firenze.

Commenti

commenti