Prevenire è sempre meglio che curare

Se vogliamo far durare nel tempo un bel sorriso dobbiamo prenderci cura dei denti ma anche della salute delle nostre gengive. Una gengiva sana ha un bel colore rosa chiaro e non sanguina lavando i denti, mentre la presenza di arrossamenti, gonfiori, dolenzie, sanguinamento, cattivi odori e sapori sono tutti campanelli d’allarme da prendere al più presto in considerazione in quanto possono essere sintomo di gengivite o peggio di parodontite (piorrea).

La parodontite è una malattia di origine batterica molto diffusa che causa la distruzione dei tessuti, duri e molli che circondano il dente. Questa malattia che inizialmente provoca pochi sintomi, molte volte può progredire e aggravarsi senza che la persona se ne accorga.

Le conseguenze possono essere:

– forti retrazioni gengivali con conseguente esposizione delle radici e comparsa di antiestetici spazi neri tra i denti che invecchiano il sorriso della persona che ne è affetta
– formazione di profonde tasche parodontali infette e maleodoranti
– mobilità e disallineamento dei denti
– perdita dei denti con conseguente difficoltà di masticazione.

Un altro effetto negativo che la malattia parodontale può determinare è la compromissione della salute generale. Numerosi studi scientifici sostengono la correlazione fra malattiaparodontale e malattie sistemiche, dovuta all’infiammazione e alla diffusione delle tossine batteriche per via ematica. E’ stato osservato che chi soffre di parodontite è più colpito da malattie cardiovascolari, diabete, patologie polmonari, alcuni tipi di tumore e anche complicanze ostetriche, come la nascita pretermine di neonati sottopeso.

Per tutti questi motivi è quindi fondamentale sottoporsi il prima possibile ad una visita specialistica di controllo in modo da intervenire tempestivamente per tornare in tempi rapidi ad una completa guarigione.

Commenti

commenti